Quale box doccia scegliere? 4 aspetti da tenere in considerazione

Molte volte quando si deve arredare il bagno nuovo il desiderio è quello di sostituire la vasca con un box doccia e in commercio sono tante le soluzioni e i fornitori di cabine doccia adatte ad ogni esigenza. Indipendentemente dalla scelta, il consiglio è quello di preferire i prodotti di specialisti dell’arredo bagno come Indigo, che offre la giusta combinazione tra funzionalità e design. Vediamo ora i 4 aspetti da tenere in considerazione per la scelta del box doccia.

1. Forme e tipologia del box doccia

La prima cosa da scegliere quando si acquista un box doccia è la forma e tipologia, in particolare la decisione prevede di scegliere tra l’acquisto di una cabina doccia con o senza profili. Cosa cambia? Sicuramente ci sono importanti differenze dal punto di vista estetico, dato che i box doccia con profili sono più adatti al bagno tradizionale, mentre quelli senza profili sono perfetti per i locali dal design essenziale.

Tante sono anche le forme del box doccia, che può essere quadrato, rettangolare, semicircolare. Non mancano le cabine doccia angolari, perfette come soluzione salvaspazio senza rinunciare ad eleganza e leggerezza. Infine, la scelta del box doccia comprende anche il tipo di apertura, che può essere ad anta battente o scorrevole. Anche in questo caso la decisione di acquisto dovrà essere funzionale agli spazi del bagno e allo stile da seguire. Nei bagni di grandi dimensioni sono perfette le ante battenti, anche più facili da pulire, ma se lo spazio è davvero poco allora è meglio preferire le ante scorrevoli.

2. Scelta del box doccia: con o senza telaio

In funzione degli spazi, del budget e dell’estetica sono tanti i pro e i contro del box doccia con o senza telaio. Nel dettaglio, il box doccia con telaio permette una maggiore estensibilità della cabina doccia oltre ad offrire altri importanti vantaggi:

  • maggiore adattabilità alle pareti;
  • ideale per la sostituzione di un box doccia già esistente;
  • prezzo economico per le versioni più semplici;
  • possibilità di scegliere tra tanti stili e colori per adattarsi al design del bagno.

Tra gli svantaggi del box doccia con telaio ci sono la pesantezza per l’ambiente e la pulizia difficoltosa, specialmente vicino alle guarnizioni. A differenza del box con telaio, il box doccia senza telaio è esteticamente bello e leggero e regala la sensazione di una maggiore ampiezza del bagno. L’assenza del profilo lo rende adatto a tutti gli stili, anche se questa soluzione d’arredo ha un costo maggiore.

3. Scelta della tipologia di vetro del box doccia

Quando si deve arredare il bagno con una nuova cabina doccia si può scegliere diversi tipi di vetro per le porte, dal classico vetro trasparente ai modelli satinati o serigrafati. Non mancano, a seconda dello stile da dare all’ambiente, i vetri fumè, sabbiati o con stampa digitale personalizzata oltre ai vetri zigrinati, molto scenografici, ma più difficili da pulire.

Molto belli sono anche i modelli di box doccia in vetro temperato proposti da Indigo, che si caratterizzano per la grande eleganza e sicurezza, anche se sono sicuramente meno economici rispetto al vetro tradizionale.

Le cabine doccia walk in e a incasso

Affrontando il tema della scelta del box doccia non si possono trascurare le nuove tendenze del design, che comprendono le cabine doccia walk in e a incasso. La doccia walk in si caratterizza per elementi fissi in cristallo e per l’assenza di porte e rappresenta la soluzione più bella da vedere nei bagni di grandi dimensioni. Se, invece, il box doccia va posizionato in una nicchia, allora la soluzione migliore è la doccia a incasso, che permette di recuperare spazio.

Come vedi, scegliere un box doccia significa tenere conto di diversi elementi e per questo il nostro consiglio è quello di affidarsi a specialisti di arredo bagno come Indigo, che propongono un catalogo prodotti perfetto per soddisfare ogni esigenza e stile di arredo.